Seguici    
 
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

Memling, maestro fiammingo che conquistò l’Italia


Hans Memling
Ritratto d’uomo
1470-1475 circa
Olio su tavola, 33,5 x 23 cm
New York, The Frick Collection
 


Nel XV secolo, più di tutti i suoi contemporanei, Hans Memling, pittore di Bruges cresciuto alle dipendenze del celebre fiammingo Rogier van der Weyden, ricevette importanti e copiose commissioni da parte dell’alta borghesia italiana. Questo portò molti artisti del nostro Rinascimento a subirne l’influenza, e perfino il paesaggio alle spalle della Gioconda ( è ormai universalmente riconosciuto dagli esperti) ne richiama lo stile pittorico. Per la prima volta in Italia, una mostra ripercorre le tracce di quel sodalizio artistico che legò le Fiandre all’Italia, grazie anche alla curatela di Till-Holger Borchert, studioso di livello internazionale dell’arte fiamminga del XV secolo. Hans Memling, 11 ottobre 2014 - 18 gennaio 2015, Scuderie del Quirinale, Roma