Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Edgar Degas. Il fascino della vita moderna

Edgar Degas. Il fascino della vita moderna

Edgar Degas. Capolavori dal Museo d'Orsay, che aprirà al pubblico il 18 ottobre alla Palazzina della Società Promotrice delle Belle Arti di Torino, non racconta solo il pittore affascinato da ballerine, corse di cavalli e teatro. Ripercorre gli anni della ricerca, gli studi dal vivo, il fascino del classicismo, lo studio dei maestri del Rinascimento italiano, la pittura di paesaggio.

Potrete seguire in diretta su Rai Arte la conferenza stampa prevista per mercoledì 17 ottobre dalle ore 11.00.

Alla pittura en plein air Degas preferiva "ciò che non si vede più nella memoria" e andava dicendo di aver bisogno di una vita fittizia, più del naturalismo degli Impressionisti. Una finezza, questa, che sfiora il dandismo ed è retaggio dell'educazione raffinata di una famiglia privilegiata. Figlio di un banchiere,  Auguste De Gas, Edgar viaggia, disegna, studia i grandi maestri del rinascimento italiano, trascorre intere giornate al Louvre esercitandosi a copiare i capolavori della pittura italiana, francese e fiamminga. Anche per Degas, come per tutti gli Impressionisti, la pittura diventerà l'unico mezzo di sostentamento e la vita scintillante del bel mondo parigino sarà sempre più una realtà diversa, raccontata con la distanza di chi non la rimpiange e non ne subisce il fascino. Ad affascinare Degas, sarà piuttosto il mondo dello spettacolo, le ballerine,  gli orchestrali, tutta quell'umanità che popola il palcoscenico dietro le quinte dell'Opera di Parigi. Tira giù le stelle dal palcoscenico ritraendole in atteggiamenti insoliti: l'orchestra mentre accorda gli strumenti, le ballerine mentre si grattano la schiena o si allacciano le scarpe. Mentre gli impressionisti si confrontavano sullo stile innovativo e inedito della pittura en plein air, sul modo di distribuire il colore e affrontare la luce, Degas rivoluziona la pittura raccontando la vita moderna, provando inquadrature inedite, spostando il punto di vista, sedendosi al fianco dei suoi soggetti, ignari di essere osservati.

Degas e l`Italia

Degas e l`Italia

La prima mostra impressionista era stata organizzata nel 1874 nello studio del fotografo Nadar. A 140 anni di distanza, vi proponiamo un piccolo focus su Edgar Degas: uno dei pittori più amati di questo movimento, soprattutto per i soggetti dei suoi dipinti. Aveva iniziato a dipingerli per sopperire ...

Leggi tutto

Quando Degas era a Torino

Quando Degas era a Torino

Nel 2012 dopo il confronto tra Burri e Fontana e il successo di Hayez alla Pinacoteca di Brera Skira Editore proponeva la prima grande antologica torinese dedicata a Edgar Degas. Degas, capolavori dal Musée d’Orsay  alla Palazzina della Società Promotrice delle Belle Arti di Torino. La mostra è nata ...

Leggi tutto