Seguici    
Accedi
 

Pollock e Michelangelo, la furia dei titani

 Il servizio è stato realizzato da RAI ARTE in occasione della mostra Jackson Pollock. La figura della furia, Palazzo Vecchio, Firenze, 2014

 

Il maestro del non finito, Michelangelo Buonarroti e Jackson Pollock, l’uomo che ha inventato l’action painting, scardinando le regole dell’arte figurativa occidentale.Nella culla del Rinascimento, una mostra lega concettualmente i due titani cercando di mettere in luce quanto l’artista americano fosse suggestionato dal potente segno di Michelangelo, di cui proprio quest’anno si celebra il quattrocentocinquantesimo anniversario della morte.

Curata da Sergio Risaliti e da Francesca Campana Camparini, l’esposizione presenta oltre a sei disegni di Pollock, eccezionalmente prestati dal Metropolitan Museum di New York e per la prima volta esposti in Italia, alcuni dipinti e incisioni provenienti da musei internazionali e collezioni private (The Pollock Krasner Foundation, New York – Washburn Gallery, New York, Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma, Stedelijk Museum- Amsterdam, Museum of Art di Tel Aviv).

Due anche le sedi che ospitano l’evento: Palazzo Vecchio, dove la memoria del Buonarroti è consegnata  a uno dei suoi più celebri marmi, il Genio della Vittoria, emblema della furia creativa che torna a proporsi con enfasi nelle rivoluzionarie pitture di Pollock, e il Complesso di San Firenze, spazio dedicato ad un’esplorazione virtuale delle opere dell’artista americano, per una coinvolgente esperienza immersiva nel procedimento creativo dell’action painting.

 

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo