Seguici    
Accedi
 

Le Accademie e l`arte del restauro

Dove e come si apprende l’arte del restauro? L’edizione 2018 del Salone del Restauro di Ferrara ha dedicato un interessante focus alla professione del restauratore e alle Scuole attive all’interno delle Accademie di Belle Arti per la formazione di questa complessa figura.

Proprio nelle Accademie, infatti, nasce il restauro come disciplina, secoli prima della nascita dei corsi universitari. Il settore vive oggi una grande accelerazione in Italia in virtù del decreto ministeriale del 2009 che ha istituito il nuovo percorso formativo quinquiennale di II livello in Restauro abilitante alla professione di restauratore dei beni culturali.

Con una importante inversione di tendenza collegata alle nuove poetiche ed estetiche, l’Accademia ritrova il suo ruolo, riscoprendo la sua storia identitaria e rivalutando cosi anche i suoi beni. Alcune caratteristiche delle Accademie, soprattutto quelle storiche, rendono la didattica del restauro particolarmente significativa e peculiare. In prima istanza, per l’inestimabile patrimonio di beni che le istituzioni posseggono: gallerie, raccolte di dipinti, sculture; gipsoteche, archivi, collezioni di strumenti musicali, biblioteche ricche di testi rari e manoscritti; fototeche, gabinetti di disegni e stampe, ma anche documentazione in forma digitale o filmica su e di artisti contemporanei, registrazioni e beni immateriali di pregevole qualità che costituiscono una risorsa del Paese e una peculiarità italiana nel panorama internazionale della formazione artistica.

 

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo