Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

La Repubblica Culturale di Christophe Girard, inventore della Nuit Blanche

Christophe Girard è stato per undici anni Assessore della Cultura di Parigi, durante il mandato di Bertrand Delanoë (dal 2001 – 2012). Uno dei suoi primi meriti è stata l’invenzione della Nuit Blanche di Parigi, che dal 2002 si replica ogni anno il primo weekend di ottobre. A oggi quaranta sono le città nel mondo che hanno preso esempio da Parigi, compresa Roma, che ha organizzato la sua prima notte bianca già nel 2003.

Quest'intervista è stata realizzata all'Accademia di Francia a Roma - Villa Medici, in occasione della prima Notte bianca organizzata dall'istituzione nel 2016, proprio ispirandosi alla manifestazione parigina. 

Christophe Girard, attualmente consigliere, è stato sindaco  dal 2012 al 2017 del IV arrondissement di Parigi che comprende Le Centre Pompidou, Place des Vosges e la Cathédrale Notre-Dame de Paris. Il suo modo di gestire il suo municipio è stato abbastanza atipico; convinto che la cultura debba essere parte integrante della quotidianità a disposizione di tutti, ha introdotto delle iniziative incentrate a promuovere la cultura a 360 gradi.


Chi si recava nel suo municipio per richiedere delle pratiche amministrative sarà stato sorpreso di imbattersi ad ascoltare musica dal vivo; di fatti il salone delle feste del municipio era a disposizione con scadenza settimanale ad orchestre in residenza che potevano usare la sala per le loro prove. Inoltre il suo municipio promuoveva anche conferenze divulgative, presiedute da professori, sulle malattie degenerative quali per esempio Parkinson e Alzheimer. Organizzava poi dibattiti su argomenti scottanti per la società come il matrimonio tra omosessuali e la transessualità, ma in municipio c'erano anche balletti, mostre e concerti nei quali tutti sono invitati a partecipare.


Girard, è inoltre autore del “Le petit livre rouge de la culture: Propositions pour une République culturelle" (Il piccolo libro rosso della cultura : per una Repubblica Culturale), nel quale sostiene che con la cultura e la conoscenza si può combattere la povertà di spirito dei popoli e l’ignoranza. Nel suo municipio ha avuto modo di creare lui stesso un polo centrale della pratica culturale.

Per Christophe Girard è una responsabilità primaria quella di promuovere e incoraggiare gli artisti di oggi, perché secondo lui solo così le città possono valorizzare il loro patrimonio passato e futuro.

Quest'intervista è stata realizzata all'Accademia di Francia a Roma - Villa Medici, in occasione della prima Notte bianca organizzata dall'istituzione, proprio ispirandosi alla manifestazione parigina. 

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo