Seguici    
Accedi
 

Il Giappone di Hiroshige, maestro della pioggia e della neve

Il servizio è stato realizzato da RAI ARTE in occasione della mostra Hiroshige.Visioni dal Giappone, Scuderie del Quirinale, Roma, 2018  

Fiori, uccelli, pesci e le visioni dei paesaggi nipponici che colpirono Van Gogh e gli impressionisti. Una natura calma, rassicurante, celebrata attraverso costruzioni innovative che esaltano i dettagli e le asimmetrie, una sorta di “close up fotografico” dal segno di particolare forza cromatica.

Una rassegna monografica a Roma, con una selezione di circa 230 opere appartenenti a prestigiose collezioni che provengono da Italia, Giappone e Stati Uniti, racconta l’universo artistico di Utagawa Hiroshige (Edo, 1797-1858), insieme ad Hokusai il massimo esponente dell’Ukiyoe, il "mondo fluttuante".

Allestita in sette percorsi tematici, la mostra delle Scuderie si incentra in gran parte sulla produzione di silografie policrome riprodotte in centinaia di copie e quindi destinate ad un pubblico piuttosto vasto, con disegni minuti e fitti di particolari nati per raccontare momenti di vita quotidiana e scene di lavoro, i volti degli artisti e delle cortigiane, gli abiti, le abitudini, le mode di quella società che andava prendendo peso a Edo, l'odierna Tokyo. Una produzione vastissima, che include anche dipinti su seta, dove spicca l'abilità del pittore giapponese nel restituire le variazioni di luce, gli effetti atmosferici degli ambienti naturali. Nevi, nebbie, chiarori di luna sono elementi che Hiroshige riesce a far percepire in modo quasi tattile, qualità che gli valse il titolo di "maestro della pioggia e della neve".   

 

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo