Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

I Post-Classici

L’arte contemporanea continua a guardare al passato, a confrontarsi con il consolidato linguaggio dell’antichità, assorbendone gli stilemi principali per poi reinterpretarli. Questo è il tema della mostra Post-Classici, ospitata nella suggestiva cornice dei Foro romano e del Palatino a Roma.

Curata da Vincenzo Trione, l’esposizione presenta i lavori di diciassette artisti di diverse generazioni: dai maestri dell'arte povera – Kounellis, Pistoletto, Paolini - a protagonisti della transavanguardia come Paladino; da figure isolate - Parmiggiani, Longobardi, Albanese, Beecroft- a grandi fotografi come Jodice e Biasiucci; da voci "mistiche" - Botta, Pietrosanti - a personalità lontane da gruppi e da tendenze come Aquilanti; da autori post-informali come Colin a giovanissimi quali ZimmerFrei, Alis/Filliol e Barocco.

Le opere sono dislocate lungo un percorso che guida i visitatori attraverso il Foro romano, passando nel Tempio di Romolo e nel Tempio di Venere e Roma, dal Palatino alla Vigna Barberini e allo Stadio di Domiziano, recentemente riaperto dopo un restauro durato alcuni anni,  fino al criptoportico neroniano e al Museo Palatino.

Per l’occasione, le telecamere di Rai Arte hanno intervistato la sovrintendente ai beni archeologici di Roma, Mariarosaria Barbera, il curatore Vincenzo Trione e il grande fotografo Mimmo Jodice.

Fino al 29 settembre 2013

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo